Dò la pedies de Sen Nicolò

SORAPERRA KLAUS, RIZ MANUEL, PLANCHENSTEINER DANILO, Dò la pedies de Sen Nicolò. La tradizion a Cianacei. (Sulle tracce di San Nicolò. La tradizione a Canazei), 2013

Il libro si occupa di raccontare (in ladino e in italiano) la tradizione ladina di San Nicolò ancora diffusa a Canazei.

Guardane qui un’anticipazione.

piccola biblioteca fassana

San Nicolò e i Krampus al tempo del Covid: il Bene vince sul Male (sempre)

L'immagine può contenere: spazio all'aperto
Nonostante la pioggia e il COVID, San Nicolò ha visitato i bambini di Pozza. Lo hanno accompagnato un angelo e due Krampus. (grazie a Luca de Sass Zacchia per la fotografia)

Perché continuare a fare entrare i krampus nelle nostre case, quando ci accorgiamo che fanno davvero paura ai bambini? Perché spaventarli ancora: non bastano il Covid e le sue restrizioni che ci rendono tutti tristi? Non bastano, perchè a vincere è San Nicola, il santo capace di tenere a bada i krampus, il Male che è sempre presente nella storia dell’uomo anche se sotto diverse forme. Nel 2020 ne abbiamo scoperto una imprevedibile. Eppure San Nicola lo caccia dalle nostre case, lasciandoci speranzosi per un nuovo anno più sereno! Tra il Bene e il Male vince sempre il Bene: non scordiamocelo mai!

La tradizione della visita di San Nicolò in Val di Fassa

L’Istituto Ladino ha curato un bellissimo documentario (in ladino e in italiano), con filmati degli anni Settanta-Ottanta accostati ad altri molto più recenti: racconta la tradizione della visita di San Nicolò in Val di Fassa.

Abbiamo incominciato con una fotografia di oggi ed andiamo indietro nel tempo. A Pozza nel 2010 (con anche la messa del patrono, in cui grande spazio hanno i coscritti) , nel 2012 e l’anno scorso ; qualche anno fa a Canazei e a Campitello.

Un libro ci racconta la tradizione ancora viva oggi a Canazei: Dò la pedies de Sen Nicolò di Klaus Soraperra, Manuel Riz e Danilo Planchesteiner. Ecco la sua presentazione, con interessanti interviste ai bambini di ieri. Anche Genia Pegoretti ci narra una contia sulla visita di San Nicola.

In questo ricco e documentato post di AXIS Mundi, Matteo Maculotti ci parla della figura del Krampus nella tradizione alpina.

Chiudo con quanto succede il 4 dicembre a Vittorio Veneto (sì, lo so, sono fuori regione), tirar Bandòt par ciamar San Nicolò.

Campane per una rinascita: la Chiesa di San Nicolò a Pozza

Trascrivo quanto scrive Luca de Sass Zacchia sulla sua pagina FB:

L’arrivo delle campane nella chiesa di San Nicolò è un segno forte di rinascita della chiesa di San Nicolò, utilizzata come cinema per almeno due decenni.

La chiesa di San Nicolò un cinema? Nel 1957, fu costruita la nuova chiesa parrocchiale di Pozza per sostituire la chiesetta ormai diventata troppo piccola, Quando la chiesa fu finita, vennero trasferiti i banchi e gli altari nella chiesa moderna e poi fu effettuato il trasferimento delle campane sul nuovo campanile. Nella chiesetta spogliata di tutto e privata dei suoi affreschi fu allestito un vero e proprio cinema – teatro.

Poi negli anni ’80 si iniziò a ripristinarla.