Piccoli-grandi gesti di memoria

4 gennaio 1944

Richard Löwy, la moglie Johanna Liebgold, la sorella Martha e il cognato Hermann Riesenfeld vengono arrestati a Someda di Moena dove si erano rifugiati dal 1939.

Vengono arrestati perchè sono ebrei e la ‘Soluzione finale’ della questione ebraica diventa esecutiva in Italia a partire dal 1943. Nel Trentino, diventato Operationszone Alpenvorland, sono proprio i nazisti a presentarsi a casa del Tone Ninzele a Someda e ad arrestarli.

Gli abitanti di Someda e di Moena assistono sconcertati all’arresto, all’uccisione del cagnolino di Johanna, alla traduzione al carcere di Trento.

Richard Löwy non è uno qualunque: è un cittadino onorario di Moena, benefattore della valle durante la Prima Guerra Mondiale.

4 GENNAIO 2021

Anna Rosa Dellantonio (nipote dell’ultimo giusto che, insieme alla moglie Margianola Pata, nascose Richard Löwy a Someda, Tone Ninzele) esce di casa e mette un lumino davanti alla casa dove avvenne l’arresto. E Luigina Felicetti mi racconta quanto ha sentito da sua madre: Richard Löwy era una brava persona. Giovanna Chiocchetti mi scrive che anche suo padre, Mario Batesta, ha assistito all’arresto.

C’è un Male così inumano che non si può spiegare. A noi il compito di non dimenticare: grazie per i piccoli-grandi gesti di Memoria. NO VE DESMENTION: non vi dimentichiamo.

Richard Löwy: il profilo biografico

Michele e Rosina Croce, la baita ai Ronch e Löwy

La fotografia è tratta da Me recorde che… e se volede ve conte, a cura del Grop Ladin, 2012

Nelle sue memorie biografiche Michele Croce scrive:

Mi pare ancora di vedere la maestra Parolota che correva avanti e indietro, tutta agitata, per mettere al sicuro i Löwy, una famiglia ebrea che abitava presso la casa del Buro. Inizialmente si rifugiarono nella nostra baita a Ronchi, che però era piuttosto malridotta e senza fonti d’acqua vicine. Se non sbaglio in seguito andarono a stare a Soraga dopodiché, povera gente, furono catturati dai tedeschi e deportati nei campi di concentramento. Non si sa che fine abbiano fatto quei poveri disgraziati.

La baita Croce (come si presenta oggi)

Insieme alla zia Rosina, è stato anche lui uno dei giusti della Val di Fassa.

Rosina è citata come amica di Richard Löwy già in una lettera del 1941 e fu vicino ai quattro fino alla fine.

Cima Bocche

Michele Simonetti Federspiel ci guida per La Mostra Gran Vera a Cima Bocche e ci mostra le due linee, quella italiana e quella austriaca. Nel suo interessante filmato (prima parteseconda parte) ci mostra il luogo in cui morirono quasi 2000 uomini per la conquista di una cima nel 1916.

Sul sito fassafront.it trovi qui una spiegazione della battaglia di Cima Bocche.

è una delle trincee probabilmente costruita da Richard Löwy che vi si fa fotografare nel 1942 insieme al suo ex-attendente Jan del Cherlo.

Giorgio Jellici, Richard Löwy. Un ebreo a Moena

Giorgio Jellici, Richard Löwy. Un ebreo a Moena. Dalla Grande Guerra alla Shoah, Istitut Cultural Ladin, Grop Ladin da Moena, 2004

Giorgio Jellici, Richard Lowy

La storia di Richard Löwy è stata ricostruita con un lungo e accurato lavoro da Giorgio Jellici.

La zia di Giorgio, la maestra Valeria Jellici, gli ha lasciato un plico di lettere e di fotografie. Da lì Giorgio è partito per un lungo lavoro di ricostruzione storico biografico attraverso contatti personali, consultazione di materiale di archivio in Italia e in tutta Europa (a Moena, a Trento, a Roma, a Vienna, a Praga).

Il risultato della sua ricerca  è diventato una mostra (ospitata in primis a Moena, ma poi ha girato il Triveneto) e un libro, che ho letto e riletto.

Chi volesse approfondire la conoscenza di Richard Löwy, non può non innamorarsene.

 piccola biblioteca fassana

Jan del Cherlo (Giovanni Chiocchetti)

Se vuoi capire il rapporto stretto che i fassani hanno sempre avuto con i loro boschi, visita il museo del Segat a Pozza di Fassa. Vi troverai gli  gli attrezzi, i progetti, gli studi e i quaderni che Bepo e Jan Cherlo di Moena (famiglia di carpentieri da generazioni) hanno con passione conservato fino ad oggi.

img_Segat_x_cs

Jan del Cherlo è uno dei giusti della Val di Fassa: la vita di Jan del Cherlo e quella di Richard Löwy si sono intrecciate più volte.

Jan del Cherlo è stato attendente di Richard Löwy durante la Gran Vera. I due hanno mantenuto anche rapporti di amicizia tra le due guerre.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cartolina-a-jan-del-cherlo-da-rl.jpg

la casa di Jan del Cherlo
La casa di Jan del Cherlo

E quando Richard è tornato come esule a Moena, Jan lo ha ospitato nella sua casa.

1943 RL e Jan del Cherlo

In questa bella fotografia del 1942,  Jan e Richard sono a passo Bocche, nelle trincee costruite durante la Prima Guerra Mondiale.  Dietro la fotografia, Richard ha scritto di suo pugno: 1942 Giovanni con me al Passo Bocche. Dietro di noi una trincea con muri di calcestruzzo. Richard.

(fotografie tratta dal libro di Giorgio Jellici “Richard Löwy un ebreo a Moena. Dalla Grande Guerra alla Shoah”. Istitut Cultural Ladin, Grop Ladin de Moena, Vigo di Fassa-Moena 2004)

Mrs Valeria Jellici

Oggi 25 aprile voglio ricordare la maestra Valeria Jellici del Garber, non solo per essere stata una dei giusti di Moena che ha cercato di salvare Richard Löwy, ma anche per aver ricevuto questo attestato dagli Alleati, per l’aiuto dato fra il 1939 e il 1945.
Viva la Liberazione! Viva la libertà!
#ValeriaJellici
#Novedesmention

(fotografie tratte dal numero speciale di Nosha Jent, Grop Ladin di Moena del giugno 2017 dedicato a “La maestra ValeriaJellici del Garber 1896-1975”)