Landeschützen di Moena

86970028_10218881472139816_4160324125719527424_n

Agosto 1914: gli uomini della Val di Fassa vengono mobilitati. E’ scoppiata la guerra e i ragazzi di Moena si riuniscono. Prima di partire, una bella fotografia (grazie a Matteo Del Din): ed ecco qui ritratti i Landeschützen di Moena, riconoscibili dalla stella alpina sul colletto.

Tutti e tre i reggimenti  dei Landeschützen furono inquadrati nel XIV Korps Edelweiss e mandati, dopo qualche giorno di addestramento, sul fronte austro-russo. Qui presero parte alle battaglie dell’esercito austroungarico contro i Russi: quel confine orientale che dopo tante battaglie sanguinose (sul fiume San, a Hujcze, a Leopoli, a Gorlice-Tarnow) e almeno due grandi ritirate verso i Carpazi, fu definitivamente conquistato dall’Impero Russo con la presa della fortezza di Przemysl del giugno 1915.

Ma molti hanno perso la vita in Galizia o sono stati presi prigionieri. Una storia ancora da raccontare: cimiteri di trentini in quel luoghi fra Polonia, Ucraina e Russia con morti da onorare e lunghissimi anni di prigionia ed avventurosi viaggi di ritorno attraverso tre continenti. Fra questi anche i moenesi Jan Buro, Simone Chiocchetti Moro, il Kaiserjaeger Battista Chiocchetti Moro.

Intanto il XIV Korps Edelweiss venne frettolosamente richiamato sul fronte meridionale, quello italiano,  a difesa dei Rayon di Folgaria e Lavarone sul confine italiano nel giugno del 1915.

Ma nemmeno questo riavvicinamento a casa fu definitivo: i generali, infatti, poco si fidavano delle truppe che parlavano italiano e così i Tirolesi di lingua italiana, chiamati Welsch-Tiroler, vennero separati dai Tirolesi di lingua tedesca. Anche i Ladini fassani furono rimandati a combattere sul fronte orientale.

(Ringrazio Tommy Farè per le sue consulenze. Ho tratto le notizie dal libro di Maria Piccolin, Per no desmentiér… Fies de Fascia morc da la Gran Vera, Regione autonoma Trentino-Alto Adige, 2007)

Due fotografie lontanissime

Ci sono solo dodici anni fra la prima e la seconda foto.
Nella prima c’è una bella compagnia di giovani viennesi in vacanza al Grand Hotel Carezza nel 1930. Martha Löwy(sorella di Richard Löwy, cittadino onorario di Moena) ha il cappellino e Hermann Riesenfeld, suo marito, tiene in mano il suo abito. Allegri posano per il fotografo: forse è una bella giornata e si può andare a fare una passeggiata.


Nella seconda Martha e Hermann sono ancora sulle Dolomiti, a Malga Canvere, sopra Moena. Ma ora sono esuli a Moena, accolti e protetti dai moenesi giusti che hanno tentato di salvarli dalla deportazione ad Auschwitz.
E i dodici anni sembrano almeno trenta!


#Novedesmention, giusti della Val di Fassa!

(fotografie tratte da “Giorgio Jellici. Richard Löwy. Un ebreo a Moena”, Istitut Cultural Ladin, Grop Ladin de Moena, 2008)

#Novedesmention #RichardLöwy1942 #MarthaLöwy #HermannRiesenfeld #Moena #GrandHotelCarezza

Battista Chiocchetti, Memorie della guerra Austro-Russa 1914

Memorie della guerra Austro-Russa 1914, Battista Chiocchetti di Moena, Val di Fiemme, Sud Tirolo, Istitut Cultural Ladin, 1995-2002

Nelle pagine del suo diario, Battista Chiocchetti racconta la guerra, combattuta in Galizia,  la prigionia e il lungo viaggio di ritorno nella sua terra diventata italiana.

Battista Chiocchetti di Moena, soldato austroungarico, parte da Moena il primo giorno della Grande guerra (nel 1914, quando l’Italia non era ancora entrata in guerra), combatte sul fronte austro-russo le due battaglie di Leopoli e viene preso prigioniero.

“Finalmente venne il giorno 20 ottobre (1914): questo giorno lo passammo in quel boscho e senza nissun comandante, andavamo or quà, or là senza nissuna direzione, dovemmo respingere a colpi di fucile 2 volte il nemico che ci assaliva, avemmo ancora dei morti e dei feriti, ricevere da mangiare o da berre nessuna idea, per fortuna avevamo delle conserve che mangiammo. In quel giorno parlai diverse volte con mio cugino Carletto e parecchi altri miei paesani, e venuta la notte dormimmo uno presso l’altro io el Giovanni Buro e el Bortol dalle fede di Tesero. La notte dovemmo tutti a turno fare un ora di guardia, venne anche la pioggia, però avevamo addosso le coperte e non ci bagnammo tanto”.

Sono le parole di Battista, che racconta la sua ultima notte di libertà nei boschi di Przemyśl (nell’attuale Polonia, ed allora Galizia).
Da quel momento quattro lunghi anni di prigionia per Battista e per Jan Buro (e durante la prigionia Battista mandò a casa questa bella fotografia).  Il cugino Carletto (Zanoner Carlo Menegon), invece, morì di tifo a Wadowice il 21 febbraio 1915.

Rientrato avventurosamente a casa dopo il giro di tre continenti (!!!!), sposa la sua amata Corona e, pur malato per la terribile prigionia russa (morirà solo sei anni dopo), ci lascia il segno più grande di bellezza: cinque figli.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
L’itinerario di Battista Chiocchetti di Moena

Far trionfare sempre la vita.
#BattistaChiocchetti
I cinque figli di Battista Chiocchetti

piccola biblioteca fassana

Antonia Pozzi, “Dolomiti” e il Piz Meda che piange

93385887_10219472729320876_161921465355075584_n

La mamma di Maria Giovanna Iellici, autrice di questa bella fotografia, diceva della cima che svetta su Moena: “Il Piz Meda piange”. Ho ritrovato quel pianto nelle parole della poetessa Antonia Pozzi.
E poi quell’azzurro fiorire di nontiscordardimé …

 

Antonia Pozzi, DOLOMITI

Non monti, anime di monti sono
queste pallide guglie, irrigidite
in volontà d’ascesa. E noi strisciamo
sull’ignota fermezza: a palmo a palmo,
con l’arcuata tensione delle dita,
con la piatta aderenza delle membra,
guadagnamo la roccia; con la fame
dei predatori, issiamo sulla pietra
il nostro corpo molle; ebbri d’immenso,
inalberiamo sopra l’irta vetta
la nostra fragilezza ardente. In basso,
la roccia dura piange. Dalle nere,
profonde crepe, cola un freddo pianto
di gocce chiare: e subito sparisce
sotto i massi franati. Ma, lì intorno,
un azzurro fiorire di miosotidi
tradisce l’umidore ed un remoto
lamento s’ode, ch’è come il singhiozzo
rattenuto, incessante, della terra.

( Madonna di Campiglio 13 Agosto 1929 )

Colonna sonora di una visita ad Auschwitz

This desperation, dislocation, separation, condemnation, revelation, in temptation, isolation, desolation.

Gli U2 cantano e suonano nelle mie orecchie, mentre il pullman mi porta in albergo. Raramente ascolto musica quando non sono in casa. Non so perché lo sto facendo ora.

So let it go.

Come quando torni stanco da una scampagnata in montagna: guardi fuori il sole che tramonta e ripensi alla bella giornata passata, sì, una bella giornata primaverile e tu hai appena fatto un bel giro nei boschi di betulle e hai camminato per qualche ora immerso nella natura.

I’m wide awake, I’m wide awake, wide awake, I’m not sleeping. Oh no, no, no.

E invece hai compiuto un pellegrinaggio tra un milione e mezzo di tombe. E non lo puoi credere. Ora che hai visto coi tuoi occhi, sai che questo è ancora più incredibile.

Mrs Valeria Jellici

Oggi 25 aprile voglio ricordare la maestra Valeria Jellici del Garber, non solo per essere stata una dei giusti di Moena che ha cercato di salvare Richard Löwy, ma anche per aver ricevuto questo attestato dagli Alleati, per l’aiuto dato fra il 1939 e il 1945.
Viva la Liberazione! Viva la libertà!
#ValeriaJellici
#Novedesmention

(fotografie tratte dal numero speciale di Nosha Jent, Grop Ladin di Moena del giugno 2017 dedicato a “La maestra ValeriaJellici del Garber 1896-1975”)

Bepi Zompin

L'immagine può contenere: una o più persone e cappello, il seguente testo "Cerca"

Bepi Zompin, giovane diciottenne inquadrato nella compagnia Standschützen Moena, nel fotogramma di un video della Mostra Gran Vera. Potrai ascoltare anche le sue parole intervistato da Michele Simonetti Federspiel dal vivo a Moena e sul web 

Ne ho parlato anche io nel mio romanzo “NO VE DESMENTION- Richard Löwy e i giusti della Val di Fassa”.

“-– Sei interessata alla storia della Grande Guerra in Val di Fassa? Allora guarda. Ti faccio vedere la foto del mio bisnonno Bepi Zompin.
Prende l’ultima fotografia rimasta sul tavolo: un giovane soldato con la pipa in bocca è sdraiato in una trincea.
– Nonno Bepi ha combattuto per due anni a Cima Bocche. Mi ha raccontato la sua guerra tante volte.
– Davvero?
– Sì. Mi ha parlato di come la guerra da scontro armato con il nemico si sia trasformata in pochi giorni nella lotta titanica fra uomini intrappolati nelle trincee e la montagna: il freddo intenso delle alte quote, la neve abbondante che cade sulle cime, le valanghe pronte a sommergerti quando i primi raggi primaverili sembrano offrirti un attimo di tregua. Poi la stagione estiva, con il sole sempre a picco, col pericolo continuo delle frane, con la noia di stare sempre nello stesso fosso, senza potersi lavare, tormentati dalla scabbia e dai pidocchi. Poi l’autunno con le piogge continue, il pericolo degli smottamenti. E in ogni stagione dell’anno, per due lunghi anni, la fame: una fame continua, che ti prende al fondo della stomaco e non ti lascia più.
Ma dai paesi della valle non salivano rifornimenti?
– All’inizio sì, certo. Ma poi la situazione è davvero peggiorata: le poche persone anziane rimaste in valle cercavano di lavorare i campi, ma i cereali venivano requisiti. A Moena vivevano migliaia di soldati e anche prigionieri di guerra.
– Tuo nonno era un Kaiserjäger?
– No, lui era inquadrato nella compagnia Standschützen Moena.
Mio nonno non era un soldato di professione, a dire la verità era un ragazzo. Aveva solo diciotto anni, quando l’Italia ha dichiarato la guerra all’Austria. Gli uomini di leva erano già stati inviati in Galizia e così in valle restavano solo ragazzi o vecchi. Lui è stato arruolato subito, anche se con compiti di supporto alla truppa in prima linea.
Era una compagnia improvvisata: pensa che è stato arruolato sotto la supervisione di un tenente che era Comandante del Genio, un ingegnere, arrivato in valle per costruire le trincee e non certo per arruolare gli uomini. Per giunta era anche ebreo.
– Ebreo?
– Sì. Era ebreo. Si chiamava Richard Löwy.”


#Novedesmention pagg. 60-61